INFO

Biglietti

€ 10,00+ € 1,22 d.p.

RIDOTTO POSTO UNICO

under 25, over 65, titolari tessera Padiglione
€ 5,00+ € 1,22 d.p.
  • Biglietti 0
  • Totale € 0,00

Carnet

CARNET 10 SPETTACOLI

Abbonamento valido per i 10 spettacoli della Stagione del Padiglione 2022-2023  "Nessun Confine"
€ 51,22
  • Carnet 0
  • Totale € 0,00

Rassegne collegate

Spazio Teatro 89 - Rassegna "Nessun Confine - la Stagione del Padiglione" 2022-2023

Dal 11/11/2022 Al 09/02/2023

Info Evento

Equivochi Compagnia Teatrale

HERR DOKTOR

26 gennaio 2023
ore 20

drammaturgia | Beatrice Marzorati
con Beatrice Marzorati, Davide Scaccianoce
Scenografia |Graziano Venturuzzo
Video |Davide Scaccianoce
Produzione | Equivochi Compagnia Teatrale

Durata | 70 minuti

Nello scompartimento di un treno, un uomo e una donna. Lui è Joseph Goebbels, Ministro della propaganda del Terzo Reich. Lei, misteriosa, gli pone qualche domanda: un dialogo, un interrogatorio, un processo, una confessione da cui emergono le contraddizioni di uno degli uomini più vicini ad Hitler.

Perché raccontare e ricordare ancora oggi la vicenda di Joseph Goebbels? Definito "il dittatore della cultura", fu senz'altro il principale artefice delle campagne di "arianizzazione": le sue armi non furono i fucili e le camere a gas, ma le parole, l'arte, i pensieri. Tramite la cultura - o meglio, una sorta di "lavaggio del cervello" collettivo - trascinò un popolo in guerra e scatenò una delle persecuzioni più violente e inquietanti che la Storia abbia mai conosciuto. Proprio per questo, allontanandoci con il passare degli anni dagli orrori della Shoah e della Seconda Guerra Mondiale, è fondamentale mantenere vigile l'attenzione. Nei nostri giorni che appartengono all'Era della Comunicazione, bombardati dai media e dalle suggestioni visive, è importante riconoscere i segnali degli stessi principi di cui Goebbels si fece portavoce e baluardo. La linea tra Bene e Male è sottile e bisogna restare in guardia, risvegliare la Coscienza e trasformare in Impegno concreto la Memoria.

Beatrice Marzorati e Davide Scaccianoce

La compagnia Equivochi nasce dall'incontro tra Beatrice Marzorati e Davide Scaccianoce. La loro poetica si basa sull’interesse per l’”equivoco", ossia le tante possibilità di significato - anche opposte tra loro - presenti nello stesso segno, e lo affrontano nei loro spettacoli scendendo in profondità con leggerezza, emozionandosi con intelligenza, indagando l'uomo con ironia: “il teatro è un gioco serio!”. Tra le produzioni: Santa Impresa di Laura Curino e Simone Derai, In viaggio con i comici in coproduzione con Teatro Invito e Fools for Shakespeare.