Ci sono 1 eventi in programma @ Grancia di Sarrocciano

Dal 03/08/2019Al 04/08/2019

FAT FAT FAT FESTIVAL 2019 SAB DOM

Location

Grancia di Sarrocciano 
La Grancia di Sarrocciano nel 1588 è proprietà del Collegio romano. L'abbazia di Fiastra possiede beni a Sarocciano fin dal 1144, essi formano il nucleo dell'omonima grancia cistercense. La chiesa è costruita nel 1588 anche se in realtà il mattone murato sul prospetto principale con incisa la data 1585 suggerisce di anticipare a questa data la costruzione del manufatto. Nel corso del restauro del 2004, durante i lavori é riportato alla luce sul prospetto principale dell'edificio il mattone con incisa la data 1585.

L'Abbazia di Chiaravalle di Fiastra
ebbe estesi possedimenti terrieri grazie a donazioni e a lasciti di fedeli e di signori feudali che così speravano di ottenere benefici per la salvezza della propria anima. I territori dell'abbazia furono divisi in fattorie o aziende agrarie chiamate con termine francese grance o rance (dal lat. granica, stanza utilizzata come deposito di grano). Queste furono sei: la Brancorsina, la grancia di Tolentino dove si erge il castello chiamato "della Rancia", la grancia di S. Maria in Selva, quella di Sarrocciano, quella di Montorso, la più grande e più lontana, ed infine la grancia di Collalto. In questi organismi sociali ed economici la persona di maggior rilievo e responsabilità era il padre cellario (economo) che sovraintendeva a tutte le grance, era il direttore amministrativo di tutti i beni dell'abbazia e aveva alle sue dipendenze i ranciari (fattori) di ogni azienda agraria.

La grancia era diretta da monaci conversi che coltivavano i terreni ed erano coadiuvati dai salariati, i quali spesso avevano diritto di affitto fino alla terza generazione, dietro pagamento di una somma iniziale e di un modesto canone annuale.

I conversi concedevano ai salariati piena libertà personale: essi potevano coltivare la terra ricavandone il necessario per vivere decorosamente e formarsi una famiglia. Oltre a lavorare i campi, i Cistercensi si dedicavano all'allevamento degli ovini per la vendita della lana allo stato grezzo o trasformata in tessuti e per ricavarne i loro semplici abiti grigi o bianchi. In ciascuna fattoria vi erano una piccola chiesa e diversi fabbricati, adibiti a vari usi: le abitazioni del granciere, dei conversi, dei salariati, le stalle per il bestiame, i magazzini per la lavorazione e la conservazione dei prodotti, i locali per gli attrezzi e quelli per le varie attività artigianali.

Gli edifici erano disposti intorno ad un ampio cortile, vicini gli uni agli altri. Grazie alle grance l'abbazia riuscì a penetrare in modo vasto e capillare nel tessuto civile e sociale del territorio. I monaci cistercensi furono artefici di un graduale ma profondo cambiamento morale e culturale: dissodando e bonificando le terre incolte e liberando i contadini dalla servitù della gleba, essi valorizzarono la dignità ed il lavoro dell'uomo contribuendo, anche così, al progresso della società del loro tempo.

Fonte Wikipedia

http://www.beniculturali.marche.it/Ricerca.aspx?ids=68738 Contrada Sarrocciano, 62014, Corridonia (MC)